Eric Clapton: “Non suonerò dove richiedono pass vaccinali”

eric clapton

Mentre in Italia il premier Draghi rende obbligatorio il Green Pass a partire dal 6 agosto, anche nel resto del mondo è in corso la discussione sulle modalità di gestione della certificazione vaccinale. A pronunciarsi sul tema, in Inghilterra, è Eric Clapton, annunciando che non suonerà nei club e nelle sale concerto dove è richiesta la vaccinazione anti-Covid.

Le dichiarazioni del cantante arrivano proprio all’indomani delle direttive del primo ministro inglese Boris Johnson secondo cui sarà richiesto un corrispettivo del ‘green pass’ nel Regno Unito per i club che ospiteranno grandi eventi.
Green pass, quando serve e quando no: multe fino a 1.000 euro

Eric Clapton “Pronto a cancellare gli show”

“In seguito all’annuncio del primo ministro di lunedì 19 luglio, il mio onore mi obbliga a fare un annuncio a mia volta”, ha detto Clapton. “Voglio dire a tutti che non suonerò mai su alcun palco alla presenza di una platea discriminata – ha sottolineato – Se non sarà possibile a tutti poter assistere al concerto, mi riservo la possibilità di poter cancellare lo show”. Il riferimento è al tour in partenza nei prossimi mesi: l’artista dovrebbe esibirsi in occasione di alcuni concerti negli Usa a partire da settembre, con tappa anche in Italia e precisamente a Milano e Bologna.

Nei mesi scorsi Eric Clapton si è sottoposto al vaccino AstraZeneca definendolo “un’esperienza disastrosa”.  https://www.today.it

Condividi