Ocean Viking: sulla nave migranti in disagio psicologico

sulla nave migranti in disagio psicologico

A bordo della Ocean Viking un migrante su 3 si è dichiarato minorenne. Tra loro ci sono due bambini disabili di 10 e 15 anni. Il più “grande” è Mohamed. Quando è nato ha sofferto di ipossia che gli ha lasciato danni fisici e cognitivi permanenti. Nel suo viaggio ha portato la sua preziosa sedia a rotelle, tutta rotta e recuperata in mare. Mohamed ha viaggiato per 2 giorni, sotto il sole torrido, senza cibo ne’ acqua. E ora aspetta con le altre 571 persone un porto dove sbarcare.

Disagio psicologico

“Ancora nessun porto assegnato – scrive su Twitter SOS Mediterranee – la situazione peggiora. Il nostro team medico segnala sempre più casi di disagio psicologico. L’assenza di informazioni non è più sopportabile per i naufraghi. Con il caldo, sul ponte la tensione sale.

Ieri sera un uomo si è gettato in mare dalla Ocean Viking: l’equipaggio lo ha soccorso ed è fuori pericolo. Era stato salvato una settimana fa da una barca in pericolo. Ha detto: “Se sapessi dove e quando sbarcherò potrei resistere. Ma non riesco a resistere all’incertezza”. www.rainews.it

Condividi