Sblocco dei licenziamenti, Landini: “tenuta democratica a rischio”

landini sblocco dei licenziamenti

Maurizio Landini lancia un chiaro allarme dopo la decisione del governo sullo sblocco dei licenziamenti il prossimo 30 giugno. “Siamo di fronte ad uno sgretolamento del tessuto sociale, – spiega il segretario della Cgil a Repubblica – ad un imbarbarimento delle relazioni umane. Così si mette a rischio anche la tenuta della democrazia. Mai e poi mai ho visto un camionista forzare un picchetto, travolgere i lavoratori fino ad ucciderne uno. Mai ho assistito a qualcosa di simile, ma adesso è successo.”

“Proviamo a mettere in fila tre recenti fatti di cronaca: l’orditoio manomesso su cui lavorava la povera Luana, i sistemi frenanti della funivia di Mottarone anch’essi manomessi, infine la morte di Adil. Sono legati dalla stessa logica: il tempo di vita e di lavoro viene piegato al mercato e al profitto e non alla centralità della persona. Questa assenza di vincoli sociali mette a rischio anche la tenuta democratica di un Paese”.

Sblocco dei licenziamenti, andiamo in Pizza

“Il 26 giugno – prosegue Landini a Repubblica – andiamo in piazza anche per chiedere la proroga del blocco. Ci saranno tre manifestazioni: chiediamo la proroga del blocco, l’estensione degli ammortizzatori sociali e di incentivare le strade alternative ai licenziamenti, dai contratti di solidarietà a quelli di espansione. Il governo ci convochi e faccia ripartire il dialogo sociale così costruiremo un’Italia migliore. Pensiamo che orario, ritmi, condizioni di lavoro debbano essere contrattati coniugando le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori con quella delle imprese, mettendo al centro le persone e non solo il profitto delle aziende”. affaritaliani.it

Condividi