Obbligo vaccinale, certificazioni e privacy: informazioni corrette

Vaccini, certificazioni e privacy: al TG appennino si è parlato dell’obbligo vaccinale partendo dal caso di alcuni medici che ai quali è stato intimato di produrre il certificato di vaccinazione o una dichiarazione scritta di rifiuto. Il Garante ha stabilito già da tempo che acquisire i nominativi del personale vaccinato o la copia delle certificazioni vaccinali non è consentito dalla disciplina in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro né dalle disposizioni sull’emergenza sanitaria.

Certificazioni e privacy, le domande

Il datore di lavoro può chiedere ai propri dipendenti di vaccinarsi contro il Covid per accedere ai luoghi di lavoro e per svolgere determinate mansioni, ad esempio in ambito sanitario? Può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati? O chiedere conferma della vaccinazione direttamente ai lavoratori?

A queste domande ha risposto il Garante per la privacy con le Faq pubblicate sul sito, in cui è spiegato che il datore di lavoro non può acquisire, neanche con il consenso del dipendente o tramite il medico competente, i nominativi del personale vaccinato o la copia delle certificazioni vaccinali.

Condividi