Ragazza pakistana scomparsa, 5 indagati

pakistana scomparsa Saman Habbas matrimonio combinato

Salgono a cinque gli indagati in relazione alla scomparsa di Saman, la ragazza di cui non si hanno più notizie nel reggiano: ai genitori e a uno zio si aggiungono due cugini. Secondo quanto si apprende dai carabinieri, nelle ultime ore gli sviluppi investigativi hanno permesso di individuare altre due persone che avrebbero avuto un ruolo nella sparizione della ragazza.

In particolare, dalla visione delle immagini della videosorveglianza dell’azienda, sono stati riconosciuti due cugini della giovane. I due sono stati ripresi la sera precedente all’ultimo avvistamento della ragazza mentre uscivano dal capannone con attrezzi da lavoro utilizzati verosimilmente per preparare la buca.

Complessivamente, quindi, sono salite a 5 le persone iscritte nel registro degli indagati. In mattinata riprenderanno le operazioni di ricerca che si concentreranno alle spalle del capannone attraverso l’ispezione in particolare di alcuni pozzi e canali nonché di altre serre senza l’ausilio di unità cinofile. adnkronos
:::::::::::::::::::::::::::::::::::

Pakistana scomparsa, e le femministe di sinistra pure (www.liberoquotidiano.it)

Pakistana scomparsa, e le femministe di sinistra pure. Bei tempi, forse, quando le femministe di sinistra scendevano in piazza per qualsiasi cosa. Sicuramente interessanti. Invece per Samman Habbas, la giovane pakistana scomparsa da Novellara, nel Reggiano, dopo essersi opposta alle nozze combinate, non è successo nulla di tutto ciò. Solo silenzio, raggelante vista la storia. Della ragazza 18enne non si hanno notizie da più di 20 giorni.

Le immagini di alcune telecamere di sorveglianza, e il fatto che la sua famiglia sia tornata, frettolosamente e tutta insieme, in Pakistan, stanno rafforzando il sospetto che la ragazza possa essere stata uccisa e sepolta nei campi dell’azienda agricola dietro casa. E’ lì che suo padre lavorava da anni. Ed lì, ma non solo, che avremmo voluto sentire la protesta delle femministe di sinistra, per una ragazza vittima due volte, della famiglia e del fondamentalismo islamico.

Condividi