Caporalato, 2 pakistani arrestati in Veneto

caporalato

TREVISO, 12 MAG – Caporalato: i Carabinieri del Gruppo Tutela del Lavoro di Venezia, con il supporto dei militari di Treviso, hanno arrestato due cittadini pakistani, accusati di intermediazione e sfruttamento del lavoro aggravato nei confronti di decine di loro concittadini. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Treviso, su richiesta della sostituto procuratore Anna Andreatta.

Le indagini, svolte tra ottobre e febbraio scorsi, dopo una serie di controlli in aziende agricole delle province di Treviso, Pordenone e Udine, hanno portato alla scoperta di un’impresa agricola con sede legale a Cessalto (Treviso), che reclutava cittadini pakistani da impiegare come manodopera per lavorare presso aziende del territorio, in regime di sfruttamento.

Caporalato, le condizioni del lavoratori

Il titolare dell’azienda si occupava dell’impiego dei lavoratori nelle aziende agricole, mentre un suo collaboratore li reclutava e li trasportava nei luoghi dove venivano sfruttati. Alloggiati con sistemazioni precarie, prive di riscaldamento con muffa, finestre e infissi danneggiati, e servizi igienici del tutto inadeguati, venivano svegliati alle prime luci dell’alba e accompagnati nelle aziende agricole dove lavoravano guardarti a vista, fino a tarda sera. (ANSA)

Condividi