Recovery Fund: il Ricatto delle riforme

 Recovery Fund: il Ricatto delle riforme

Recovery Fund. Il Ricatto delle riforme
Fabio Dragoni, Sebastien Cochard, Giuseppe Liturri e Musso di libertàdipensiero mdn
Mentre in Italia Mario Draghi è stato costretto a dettagliare per filo e per segno le riforme imposte dalla Commissione, il Consiglio dei ministri in Spagna approva il piano, in attesa dell’invio all’Ue, e rinvia al 2022 le riforme più critiche.

Ricatto delle riforme

Il Consiglio dei ministri ha approvato ieri il piano di ripresa con cui la Spagna prevede di ricevere 140 miliardi di fondi europei. Non ne sono ancora noti i dettagli, nonostante l’Esecutivo abbia più volte presentato le sue linee guida: ha avuto luogo nella giornata di ieri un’approvazione meramente formale, ma il Governo sta affrontando una corsa contro il tempo per inviare il documento finale a Bruxelles prima della mezzanotte di venerdì. La Moncloa sottolinea che restano da definire gli ultimi dettagli. Un aspetto fondamentale è stato tuttavia già concordato con Bruxelles: la Spagna rinvierà al 2022 le riforme più controverse…

Condividi