“Uomo e donna li creò”, pastore cristiano arrestato a Londra

“Uomo e donna li creò”, pastore arrestato a Londra

Lo scorso venerdì mattina, a Uxbridge, nel nord di Londra, il rev. John Sherwood, pastore cristiano di 72 anni si è recato come tutti i venerdì, a predicare nella P.zza del quartiere, insieme a un collega. Ha letto il brano dal capitolo 1 della Genesi, nel quale si narra che Dio creò l’uomo e la donna, e poi ha commentato dicendo che nel piano di Dio la famiglia è tra uomo e donna.

A quel punto sono intervenuti alcuni agenti di polizia che prima gli hanno intimato di smettere, e poi, di fronte al suo garbato rifiuto, lo hanno strattonato, lo hanno costretto a scendere dallo sgabello da cui stava predicando, gli hanno strappato di mano la Bibbia, lo hanno ammanettato e lo hanno trascinato via in mezzo a una folla sbigottita.
L’accusa?
OMOFOBIA!

Pastore cristiano in cella

L’anziano pastore cristiano ha trascorso un giorno e una notte nella cella della stazione di polizia vicino a Heathrow, e secondo il suo avvocato, il trattamento degli agenti è stato molto duro (very unpleasant).
Ora dovrà subire il processo.
La notizia è rimasta circoscritta per giorni, e ovviamente nessuno in Italia ne ha parlato, ma in Gran Bretagna, dove è in vigore una legge molto simile al nostro ddl Zan, sono anni che accadono fatti come questi.
Quando si imbocca la strada dei reati di opinione, non c’è un limite.

Non stavo facendo commenti omofobi, stavo solo definendo il matrimonio come una relazione tra un uomo e una donna. Stavo solo dicendo quello che dice la Bibbia: non volevo ferire o offendere nessuno”, ha spiegato John Sherwood, pastore da 35 anni. “Stavo facendo quello che dice la mia descrizione del lavoro, che è predicare il Vangelo all’aria aperta e in un edificio della chiesa“.

“Quando la polizia si è avvicinata a me, ho spiegato che stavo esercitando la mia libertà religiosa e la mia coscienza”, ha detto. “Sono stato tirato giù con la forza dagli scalini e ho subito qualche lesione al polso e al gomito. Credo di essere stato trattato in modo vergognoso. Non sarebbe mai dovuto accadere”, prosegue il pastore cristiano.

Sherwood, che predica in una chiesa evangelica indipendente nel nord di Londra, è stato arrestato per aver presumibilmente causato allarme o ansia ai sensi del Public Order Act del Regno Unito. È stato rilasciato senza accuse, anche se il Crown Prosecution Service sta ora rivedendo il suo fascicolo.

Condividi