Adriano Sofri: “Che ve ne fate ora di questi ex terroristi?”

adriano sofri

“Perderesti il tuo tempo, non voglio commentare”. Così, Adriano Sofri, con cortesia, ma con decisione, risponde all’Adnkronos che lo ha contattato per un commento sugli arresti in Francia degli ex brigatisti e del cofondatore di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani, condannato insieme allo stesso Sofri quale mandante dell’omicidio nel 1972 del commissario Luigi Calabresi.

Poi, nel tardo pomeriggio, l’intervento sul Foglio: “Mercoledì mattina un’operazione congiunta di polizie e intelligence francesi e italiane – una retata, in ora antelucana, come da regolamento – ha portato all’arresto di 7 ex terroristi’ a Parigi. Bravi! E adesso che ve ne fate?”, chiede Sofri, che continua: “La sporca decina che oggi fa i titoli di testa è il fondo del barile”.

Adriano Sofri, alcune osservazioni

“Ho un paio di osservazioni generali, suscitate dal battage dei giorni precedenti il ‘blitz’. La prima, sul numero dei ricercati: 11 (undici), ridotti nel giro di pochi giorni a 10 (dieci) forse perché per uno di loro era intervenuta la prescrizione, imminente anche per altri”, scrive Sofri sul quotidiano diretto da Claudio Cerasa.

“Ora -prosegue Adriano Sofri sul Foglio – gli italiani riparati in Francia durante o dopo gli anni cosiddetti di piombo erano stati alcune centinaia. Dove sono andati a finire? Non sono abbastanza al corrente della questione. A occhio direi che uno (1), Paolo Persichetti, fu estradato con un vero colpo di mano delle polizie francese e italiana: è oggi libero, trovate in rete adeguate ricostruzioni della sua vicenda. Alcuni, pochi, vennero spontaneamente a consegnarsi in Italia, come Toni Negri.

Ex terroristi rossi arrestati, Rifondazione comunista: “si erano rifatti una vita”

E la moltitudine restante? Molti sono stati prescritti, alcuni sono morti di vecchiaia o di malattia, uno si è ucciso poco fa buttandosi giù da una finestra. La sporca decina che oggi fa i titoli di testa è il fondo del barile”, scrive il cofondatore di Lotta Continua.

“La cosiddetta ‘dottrina Mitterrand’, che è stata in realtà la pratica di Mitterrand, di Chirac, di Sarkozy, di Hollande e, fino a ieri, di Macron, ha realizzato il fine più ambizioso e solenne che la giustizia persegua: il ripudio sincero della violenza da parte dei suoi autori, e così, con la loro restituzione civile, la sicurezza della comunità. La Francia repubblicana è riuscita dove il carcere fallisce metodicamente”, scrive ancora Adriano Sofri. adnkronos

Condividi

 

One thought on “Adriano Sofri: “Che ve ne fate ora di questi ex terroristi?”

  1. O bella! Terroristi rossi senza lavoro? Possono sempre dare una mano alla ONG di Casarini per la pesca in Mediterraneo

Comments are closed.