Tracce di Covid sui Pos, chiusi 12 supermercati

Covid sui Pos

Presenza di materiale genetico di coronavirus in 18 casi, su carrelli e cestini, tracce di Covid sui Pos, le tastiere per il pagamento bancomat e carte di credito (Pos), tasti delle bilance e dispositivi «salvatempo». È quanto hanno trovato i carabinieri dei Nas, impegnati nella campagna di verifiche a livello nazionale presso i supermercati, per accertare la corretta esecuzione delle operazioni di sanificazione degli ambienti e delle attrezzature per limitare il contagio da Covid-19. Complessivamente sono stati ispezionati 981 esercizi tra quelli di maggiore afflusso, rilevando irregolarità presso 173 di essi, pari al 18%. Immediata sospensione nei confronti di 12 supermercati.

Tacce di Covid sui Pos – I supermercati presso i quali sono state evidenziate positività al Covid-19, appartenenti a diverse aziende della grande distribuzione, sono stati individuati nelle città di Roma, Latina, Frosinone, Grosseto, Terni, Salerno e Catania nonché in altri esercizi nelle province di Parma, Perugia e Cagliari.

Non solo tracce di Covid sui Pos

Nell’ambito del piano ispettivo, i carabinieri Nas hanno individuato anche gravi carenze igieniche, gestionali e strutturali che hanno determinato l’esecuzione di provvedimenti di immediata sospensione dell’attività commerciale nei confronti di 12 supermercati, dei quali tre per violazioni alle misure anti-Covid, e il sequestro di oltre due tonnellate di prodotti alimentari risultati non adatti al consumo, per mancanza di tracciabilità e modalità di conservazione non idonea.  www.ilsole24ore.com

Condividi

 

One thought on “Tracce di Covid sui Pos, chiusi 12 supermercati

  1. Ma ci rendiamo conto che siamo alla follia, una follia allo scopo di una dittatura forse mai vista! Anche questi supermercati è ora che la finiscano di sottostare ai decreti e dl del c…. dettati da una politica satanica criminale..Solo così possiamo rialzarci e mandarli tutti al ….

Comments are closed.