Cosa c’è dietro la collaborazione del boss Nicola Grande Aracri?

Nicola Grande Aracri

Su cosa ci sia dietro questa voglia di collaborazione di un boss di questo calibro, credo le domande da porsi siano due: perché c’è questa collaborazione e come mai in questo preciso momento storico. Se il pentimento fosse reale, saremmo di fronte ad un nuovo Tommaso Buscetta. Se uno ndranghetista di questo livello parlasse veramente di tutto ciò che conosce della ndrangheta e delle sue connessioni con la politica, l’imprenditoria, le banche e la finanza – non solo in Italia – potrebbe determinare un terremoto istituzionale.

Dal punto di vista criminale, siamo di fronte ad un boss di primo livello che incarna in sé le due caratteristiche peculiari nella nuova ndrangheta: ferocia criminale e spirito mercatistico imprenditoriale. Con un paragone azzardato potremmo dire che incarna in sé le caratteristiche di Vito Ciancimino e di Totò Riina messi insieme, con un’evoluzione verso l’ultimo Matteo Messina Denaro. I paragoni, ovviamente, per significare come un boss di questo calibro possa fare nomi di personaggi delle alte sfere.

Grande Aracri ha chiesto di parlare con Gratteri

Sul perché ha deciso di collaborare, posso solo azzardare un’ipotesi, ma del tutto personale e soprattutto di natura intuitiva. Se fosse vera la collaborazione, potrebbe ripetersi ciò che accadde tra Buscetta e Falcone. Grande Aracri ha chiesto di parlare con Gratteri. Buscetta allora determinò la conoscenza del fenomeno mafioso legato a Cosa Nostra rendendo noti particolari sino ad allora totalmente sconosciuti agli inquirenti. Se Gratteri sarà all’altezza del compito che ai tempi fu di Falcone, potremmo conoscere molti aspetti criminogeni della ndrangheta che oggi ignoriamo.

Grande Aracri e la politica – Ritengo anche che Grande Aracri potrebbe parlare anche dei rapporti con la politica. Se la collaborazione sarà reale si potrà comprendere perlomeno se questi legami esistano e in che modo siano intessuti. Personalmente credo che esistano. Sarà abilità degli inquirenti e in particolare di Nicola Gratteri, se sarà lui a interrogarlo, farci conoscere nomi e cognomi del cd. quarto livello, senza il quale è bene ricordare le mafie sarebbero semplici organizzazioni criminali. Penso anche che un boss di quel livello abbia avuto contatti sia in Italia (es. Emilia Romagna, Lombardia, Veneto) sia all’estero (es. Svizzera, Olanda, Germania).

A temere quindi credo saranno in tanti. Ci sono solo due cose che mi “puzzano” un po’: come mai un boss di quel livello decida improvvisamente di collaborare e come mai una notizia così riservata e importante sia divenuta di dominio pubblico.

Vincenzo Musacchio, giurista e docente di diritto penale, è associato al Rutgers Institute on Anti-Corruption Studies (RIACS) di Newark (USA). E’ ricercatore dell’Alta Scuola di Studi Strategici sulla Criminalità Organizzata del Royal United Services Institute di Londra. E’ stato allievo di Giuliano Vassalli e amico e collaboratore di Antonino Caponnetto.

Condividi

 

One thought on “Cosa c’è dietro la collaborazione del boss Nicola Grande Aracri?

  1. E te pareva…Arcuri dovrebbe essere al gabbio da una vita. D’Alema e Bersani non ne sanno nulla?

Comments are closed.