Modena, neonato morto al Policlinico: la mamma vuole risposte

Il Consulente tecnico del tribunale ha decretato che il piccolo morì per fragilità personali, per la donna invece prese un’infezione in reparto

MODENA – Continua la battaglia di Isabella Massamba, madre del piccolo Daniele, il neonato che l’11 febbraio del 2018 morì nel reparto di neonatologia del Policlinico di Modena a soli 10 giorni di vita. Il Consulente tecnico del tribunale ha decretato che il piccolo morì per fragilità personali, ora la causa civile è in corso, si è entrati in fase di istruttoria e l’11 marzo si riuniranno gli avvocati e i periti di parte ma Isabelle Massamba porta avanti la sua denuncia pubblica.

La madre ha sempre sostenuto che il piccolo sia morto invece per aver contratto un’infezione da Escherichia coli in una delle stanze del reparto. In quei giorni furono tre i bambini deceduti e la prima, Emma, morì tre giorni prima che nascesse il piccolo Daniele messo nella stessa incubatrice della bambina senza che – sostiene la madre – la stanza fosse messa preventivamente in quarantena.

Oggi Isabella, conosciuta anche per essere stata consigliera comunale del Pd, è di nuovo madre di un bambino nato da pochi mesi, fa la botanica e porta avanti la sua vita di tutti i giorni. La causa civile di risarcimento procede – sono sicura che non la vincerò – dice – ma quello che chiede è soprattutto chiarezza sulla morte del figlio.

E nel pomeriggio è arrivata una nota dell’Ausl di Modena: “Capiamo la situazione di grave sconforto della famiglia ma non ci riconosciamo nei comportamenti che ci sono stati attribuiti – dice il Professore Berardi, Direttore della Neonatologia di Modena – Tutti i miei collaboratori hanno sempre dimostrato grande attenzione al rispetto delle norme di buona pratica clinica e assistenziale, con particolare riferimento alla prevenzione delle infezioni nosocomiali”.

https://www.modenaindiretta.it

Condividi