Spese pazze, Procura indaga sul capo dei Navigator

Navigator Di Maio Parisi

Il coordinatore dei Navigator avrebbe speso cifre folli durante il suo mandato, conti sui quali gli inquirenti vogliono vederci più chiaro

L’uomo scelto da Di Maio per coordinare i Navigator è finito sotto indagine della Procura della Corte dei Conti. Domenico Parisi – si legge sulla Verità – avrebbe speso cifre folli durante il suo mandato, conti sui quali gli inquirenti vogliono vederci più chiaro.

Il presidente dell’Anpal, scelto dall’ex vicepremier e ministro del Lavoro e ora ministro degli Esteri, per trasformare il reddito di cittadinanza in uno strumento che avrebbe dovuto aiutare gli italiani a trovare un impiego, è finito al centro delle polemiche.

Spese del coordinatore dei Navigator nel mirino della Corte dei Conti

Si indaga – prosegue la Verità – sui voli Italia-Usa effettuati da Parisi del costo totale di più di 70 mila euro. Viaggi in business class, noleggi d’auto, oltre all’affitto di una casa in pieno centro a Roma da 160 mila euro. Tutte spese finite nel mirino della Procura della Corte dei Conti.

Su Parisi c’erano anche state delle interrogazioni parlamentari, per sottolineare l’incompatibilità tra il suo incarico e il rapporto di lavoro in essere con l’università del Mississipi. Ora una nuova indagine. Lega e Pd hanno chiesto le sue dimissioni. affaritaliani.it

Condividi