Covid-19, Oim: vaccinare i migranti irregolari o pagheremo un prezzo alto

covid-19 vaccino

“I vaccini COVID-19 forniscono l’opportunità che stavamo aspettando, ma solo se li usiamo in modo saggio e strategico, proteggendo prima le persone più a rischio, indipendentemente dalla loro nazionalità e dallo stato di immigrazione legale”

Ginevra – L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) accoglie con favore l’inclusione dei migranti nella strategia nazionale della nuova amministrazione statunitense per la risposta al COVID-19 e il suo impegno “a garantire che vaccini sicuri, efficaci e gratuiti siano disponibili per l’intero pubblico statunitense – indipendentemente dal loro status di immigrazione ”.

Alla luce di questo annuncio, l’OIM invita tutti i paesi ad adottare approcci simili inclusivi dei migranti, per garantire che il maggior numero possibile di vite possa essere salvato.

“I vaccini COVID-19 forniscono l’opportunità che stavamo aspettando, ma solo se li usiamo in modo saggio e strategico, proteggendo prima le persone più a rischio, indipendentemente dalla loro nazionalità e dallo stato di immigrazione legale”, ha avvertito il direttore generale dell’OIM António Vitorino. “Plaudo a quei governi che scelgono la strada dell’inclusione e della solidarietà per i loro lanci di vaccini”.

Secondo il COVAX Facility dell’Oms, il meccanismo multilaterale creato per garantire un’equa distribuzione dei vaccini COVID-19, le campagne di immunizzazione sono già iniziate in oltre 50 paesi.

Molti paesi devono ancora rilasciare le loro strategie per l’implementazione del vaccino, ma Stati Uniti, Germania e Giordania, tra gli altri, hanno già annunciato varie misure per fornire equamente l’accesso al vaccino, compresi i richiedenti asilo e i migranti in situazioni irregolari e sfollati forzati. L’anno scorso, simili approcci inclusivi per i migranti sono stati adottati per i test, il trattamento e i servizi sociali del COVID-19 in Irlanda, Malesia, Portogallo, Qatar e Regno Unito.

Le vaccinazioni contro il covid-19 devono includere tutti i migranti

Per facilitare campagne di immunizzazione veramente efficaci ed eque, l’OIM sta lavorando a stretto contatto con lo strumento COVAX, gli Stati membri, l’Organizzazione mondiale della sanità e altri partner e raccomanda che le autorità nazionali adottino pratiche per tenere conto di tutti i migranti, come:

Garantire che un numero adeguato di dosi di vaccino sia pianificato e fornito per includere i migranti nel paese e che i sistemi di somministrazione siano adatti allo scopo;
Ridurre il numero di ostacoli amministrativi per i migranti per accedere all’assistenza sanitaria e ai vaccini, inclusi costi elevati e prove di residenza o identità.
Raggiungere attivamente le comunità di migranti attraverso metodi di comunicazione linguisticamente e culturalmente competenti per creare fiducia, informare e impegnarsi nella programmazione;
Offrire garanzie che la vaccinazione non porterà alla detenzione o alla deportazione;
Rafforzare i sistemi sanitari e istituire meccanismi mobili di vaccinazione ove necessario per garantire la distribuzione dell’ultimo miglio.

“I migranti svolgono un ruolo enorme nel nostro sviluppo socioeconomico e nel benessere collettivo. Nonostante ciò, molti di loro sono rimasti sproporzionatamente esposti a rischi per la salute eccessivi a causa delle loro condizioni di vita e di lavoro e hanno continuato ad affrontare enormi sfide nell’accesso a COVID-19 e ad altri servizi sanitari essenziali “, ha affermato il Direttore Generale Vitorino.

“Se non stiamo attenti e decidiamo di includere i migranti nei piani di vaccinazione, pagheremo tutti un prezzo più alto”.

Covid, Prodi: “bisogna vaccinare tutto il mondo”

Condividi