Cina supera Usa e diventa primo partner commerciale UE

Cina partner commerciale

BRUXELLES – Lo scorso anno la Cina ha superato gli Usa ed è diventata il primo partner commerciale dell’Unione europea. Lo si rileva dalle statistiche sugli scambi commerciali internazionali diffuse da Eurostat.
Il sorpasso è avvenuto in conseguenza di un aumento delle importazioni dalla Cina del 5,6%, per un totale di 383,5 miliardi di euro e un incremento delle esportazioni europee del 2,2% (202,5 miliardi di euro).
Parallelamente le importazioni dagli Stati Uniti sono diminuite del 13,2% scendendo a 202 miliardi di euro e le esportazioni hanno registrato una flessione dell’8,2% attestandosi sui 353 miliardi di euro.

Xu Haifeng, presidente della Bank of China (Lussemburgo), ha accolto i risultati statistici come “un momento di svolta per i legami commerciali UE-Cina”. In un’intervista con Xinhua sulla possibilità che il commercio Cina-Ue possa essere in controtendenza rispetto alla recessione, ha citato come ragione, per una gran parte, la rapida ripresa del mercato cinese. “La Cina ha preso misure rigorose per combattere il Covid-19, il popolo e le imprese cinesi hanno fatto un grande sacrificio. Questi sforzi hanno pagato: le filiere in Cina sono state ripristinate rapidamente e la forza della produzione cinese è stata mantenuta”.

CINA partner commerciale UE

Secondo il Fondo monetario internazionale, la Cina è stata l’unica grande economia del mondo che ha fatto registrare una crescita del 2,3% del prodotto interno lordo nel 2020, mentre l’economia globale ha subito una contrazione di circa il 3,5%. Xu, che presiede anche la Camera di Commercio Cinese presso l’Unione Europea (CCCEU), ha detto che il cambiamento storico non è stato una sorpresa.

La rapida ripresa della Cina dalla pandemia e le misure per sostenere i consumi interni sono state una forza trainante nel mantenere le esportazioni di beni dell’Ue verso la Cina a un livello stabile e persino leggermente superiore. Inoltre, la capacità di ripresa delle filiere in Cina ha certamente posto una solida base manifatturiera per le necessità maggiori del mercato UE”, ha detto. Incoraggiato da questi sviluppi, un leader imprenditoriale dell’UE ha detto che dimostrano l’importanza di mantenere questo andamento. “La mia aspettativa personale è che dovremmo continuare ad avere una forte relazione commerciale con la Cina. La Cina è ora un’economia in piena espansione a livello mondiale. E’ nell’interesse dell’UE e delle aziende europee avere strette relazioni commerciali con la Cina”, ha detto Bernard Dewit, presidente della Camera di Commercio Belga-Cinese.

A contribuire alla spinta economica è stata la conclusione a dicembre dei sette anni di negoziati per l’accordo bilaterale sugli investimenti tra l’Ue e la Cina. L’accordo che è stato voluto dall’Ue per livellare il campo di gioco e offrire maggiori opportunità d’affari per entrambe le parti.

Descrivendo l’accordo come “un grande passo avanti”, Dewit ha detto che il compromesso raggiunto tra le due parti è un buon segno. La bozza del documento deve però ancora essere approvata dal parlamento europeo e dalle assemblee nazionali.

Xu ha detto che la conclusione dei negoziati favorisce la fiducia della comunità imprenditoriale cinese nell’Ue. “Attendiamo la ratifica e la firma dell’accordo nei prossimi mesi e speriamo che possa essere firmato rapidamente”, ha aggiunto.

Dewit ha detto che è necessario che due dei più grandi mercati del mondo, la Cina con una popolazione di 1,4 miliardi e l’Ue con oltre 400 milioni di abitanti, cerchino di migliorare i legami economici. “Penso che sia nell’interesse di entrambe le parti migliorare, scambiare ulteriormente, negoziare eventualmente nuove basi comuni a beneficio di entrambe le parti e alla fine, del mondo”, ha detto.  ANSA EUROPA

Condividi