Giorgia Meloni nel club dei poteri forti: da che parte sta davvero?

Giorgia Meloni Aspen

Francesco Amodeo su Radio Radio TV  Premesso che non ho assolutamente nulla contro Giorgia Meloni​. Anzi, apprezzo il fatto che non abbia appoggiato il Governo Draghi​. Ma c’è un però grande quanto una casa, che per il mio ruolo non posso ignorare. Giorgia Meloni​ oggi rappresenta l’opposizione del Paese, il cane da guardia dei giochi di palazzo. E noi dobbiamo assicurarci che quel cane da guardia non sia stato addestrato a non mordere.

Mentre la Meloni dice no al Governo​ Draghi, pare abbia detto sì alla sua entrata nell’Aspen Institute​. Un altro club elitario, fondato e finanziato dai membri della finanza internazionale, in pratica dagli stessi membri dei circoli di cui fa parte Mario Draghi​.

Nel Comitato Esecutivo abbiamo personaggi come Prodi​, Giuliano Amato​, ci troviamo spesso Monti​. Lo vogliamo capire che da questi ambienti chi vuole fare gli interessi del popolo e dell’Italia deve stare alla larga. Anzi, bisognerebbe creare un fronte popolare per opporsi a questi circoli e ai loro disegni oligarchici e sovranazionali.

2 febbraio 2021 – – Non si arresta la scalata di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia, dopo la leadership di un partito europeo, si prende anche un altro traguardo tutto internazionale. La Meloni è infatti entrata nell’Aspen Institute, uno dei più grandi e prestigiosi think tank statunitensi al mondo. Presieduto da niente di meno di Giulio Tremonti, l’associazione no profit vanta tra i soci Giorgio Napolitano e a suo figlio Giulio, Paolo Mieli, Walter Russell Mead, Roberto Maroni, Antonio Martino e via discorrendo.  (Trilaterale, Bruegel, Aspen: i “poteri veri” scelgono chi comanda in Italia, ndr)

Eppure, come scrive Formiche.net, l’Aspen non è un think tank qualsiasi. Il distaccamento italiano si trova su Piazza Navona ed è tappa di molti diplomatici e accademici, intellettuali e politici, americani e non. Anche il nuovo presidente americano Joe Biden, in una delle ultime trasferte a Roma da vice di Barack Obama, ha fatto tappa all’Aspen per una conferenza internazionale. La Meloni, secondo i sondaggi la leader più amata in Italia, ha dato inizio a una sorta di re-styling. La leader di FdI ha infatti scacciato l’idea di una destra anti-europeista che la perseguitava per assumere vesti molto differenti. Non a caso la deputata è l’unica donna a Bruxelles a capo di un partito, quello dei Conservatori europei.

Condividi