Ex Ilva, ‘Ambiente Svenduto’: chiesti 5 anni per Vendola

ex Ilva Vendola

Il pubblico ministero Mariano Buccoliero, al termine della requisitoria al processo in corso davanti alla Corte di Assise di Taranto, presieduta da Stefania D’Errico, giudice a latere Fulvia Misserini, e denominato ‘Ambiente Svenduto’. L’inchiesta riguarda il presunto disastro ambientale provocato dallo stabilimento siderurgico ex Ilva, ha chiesto la condanna di Fabio Riva, figlio dell’ex patron dell’azienda Emilio Riva, e di Luigi Capogrosso, ex direttore della fabbrica a una pena di 28 anni e per Nicola Riva, fratello di Fabio, a 25.

Inoltre per l’ex presidente della Regione Puglia Nichi VENDOLA è stata chiesta una condanna a una pena di 5 anni. Al centro del processo l’inquinamento ambientale che nel corso degli anni sarebbe stato provocato dallo stabilimento siderurgico ex Ilva. Sono imputate 44 persone fisiche e tre società del gruppo Riva (Ilva, Riva Fire, che dal dicembre 2016 si chiama Partecipazioni Industriali, e Riva Forni Elettrici). L’accusa è di associazione a delinquere finalizzata, a vario titolo, al disastro ambientale colposo e doloso, all’avvelenamento di sostanze alimentari, all’omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro, al danneggiamento aggravato di beni pubblici, al getto e sversamento di sostanze pericolose, all’inquinamento atmosferico.

Sotto accusa (con ipotesi di reato di corruzione, falso e abuso di ufficio) anche i presunti tentativi effettuati per ammorbidire i controlli o falsarne i risultati. Nel processo ex Ilva sono confluiti anche due morti sul lavoro (ipotesi di omicidio colposo). Sono circa 900 le parti civili.   http://www.ilnazionalista.it

Condividi