Crisi Covid, Draghi: non proteggeremo tutte le attività

“Uscire dalla pandemia non sarà come riaccendere la luce. Il governo dovrà proteggere i lavoratori, tutti i lavoratori, ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche. Alcune dovranno cambiare, anche radicalmente. E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi”. Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.

“La risposta della politica economica al cambiamento climatico e alla pandemia dovrà essere una combinazione di politiche strutturali che facilitino l’innovazione, di politiche finanziarie che facilitino l’accesso delle imprese capaci di crescere al capitale e al credito e di politiche monetarie e fiscali espansive che agevolino gli investimenti e creino domanda per le nuove attivita’ sostenibili che sono state create. Vogliamo lasciare un buon pianeta, non solo una buona moneta”. Lo dice il premier Mario Draghi nel discorso programmatico in Aula al Senato.

“Questo è il terzo governo della legislatura. Non c’è nulla che faccia pensare che possa far bene senza il sostegno convinto di questo Parlamento. E’ un sostegno che non poggia su alchimie politiche ma sullo spirito di sacrificio con cui donne e uomini hanno affrontato l’ultimo anno, sul loro vibrante desiderio di rinascere, di tornare piu’ forti e sull’entusiasmo dei giovani che vogliono un paese capace di realizzare i loro sogni. Oggi, l’unità non è un’opzione, l’unità è un dovere. Ma è un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: l’amore per l’Italia”. Lo dice il premier Mario Draghi in chiusura del suo discorso programmatico al Senato.  tgcom24.mediaset.it

Savona: ”L’Europa unita è la realizzazione del piano del nazista Funk”
(nei prossimi giorni sarà sciolto ogni dubbio)

Savona: ”L’Europa unita è la realizzazione del piano del nazista Funk”

Condividi