Siria: agguato Isis nell’est, 26 soldati governativi uccisi

BEIRUT – L’Isis torna a colpire nella Siria orientale: 26 tra soldati governativi siriani e miliziani delle forze ausiliarie di Damasco sono stati uccisi nelle ultime ore in un’imboscata tesa da combattenti dello ‘Stato islamico’ nella regione orientale di Dayr az Zor. Lo riferisce l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria.

L’agguato è avvenuto nella zona di Mayadin, a sud-est di Dayr az Zawr, in un’area dove sono presenti in forze miliziani iracheni filo-iraniani, truppe russe e forze governative siriane.

Secondo l’Osservatorio, nell’imboscata tesa da combattenti Isis sono morti almeno sette militari di Damasco e 19 ausiliari, “in larga parte siriani” ma anche di altre nazionalità, forse iracheni. In seguito all’agguato, riporta l’Osservatorio, si sono verificati scontri armati in cui sono morti anche 11 membri dello ‘Stato islamico’. (ANSAmed).

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

“ISIS è l’esercito segreto degli Stati Uniti”

Condividi