Lecce, giovane uccisa a coltellate in strada: caccia all’uomo

coltellate carabinieri

Accoltellata al collo, muore dissanguata donna di 29 anni. SPECCHIA GALLONE – Coltellate alla nuca, al volto, al collo. E per lei non c’è stato niente da fare. È morta dissanguata, Sonia Di Maggio, una giovane donna di 29 anni di Rimini. La tragedia è avvenuta a Specchia Gallone, un borgo immerso nelle campagne dell’idruntino notoriamente molto tranquillo, frazione di poco meno di 500 abitanti del comune di Minervino di Lecce.

Qui, in via Pascoli, la donna ha trovato una morte orribile, dopo essere stata aggredita a coltellate da un soggetto, presumibilmente il suo ex. Una lite, degenerata al punto tale da sfociare in un’aggressione feroce. Stando alle prime ricostruzioni, l’assalitore, anch’egli proveniente da fuori (nello specifico, dalla provincia di Napoli), avrebbe visto la 29enne con un uomo e, perdendo la testa, l’avrebbe colpita per strada.

Come scrive il giornale locale lecceprima.it, alcuni passanti hanno provato a rianimarla, dopo aver contattato il 118 ed essere stati guidati per le manovre da praticare, in attesa che arrivasse l’ambulanza, a sirene spiegate. Ma, all’arrivo degli operatori, per la 29enne ormai le speranze erano svanite. I primi a raggiungere la località sono stati gli agenti di polizia del commissariato di Otranto, che hanno in mano le indagini. Sul posto anche i carabinieri dipendenti dalla compagnia di Maglie. Al momento si cerca l’autore del femminicidio che potrebbe comunque già essere stato identificato.

Condividi