Indagini Oms a Wuhan, cittadini accusano le autorità: ci impongono il silenzio

I parenti delle vittime della Covid-19 di Wuhan, nella Cina centrale, hanno riferito oggi che le autorità cinesi hanno cancellato il loro gruppo sui social media e stanno facendo pressioni per metterli a tacere mentre la squadra di esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è in città per indagare sulle origini della pandemia. Secondo quanto riferisce la stampa internazionale, decine di familiari di pazienti deceduti si sono uniti per effettuare una ricerca condivisa di responsabilità da parte dei funzionari di Wuhan, che incolpano di aver gestito male l’epidemia che ha colpito per prima la città esattamente un anno fa.

Secondo i parenti delle vittime, lo sforzo è stato finora vanificato dall’ostruzione ufficiale, dal monitoraggio dei gruppi di social media e dall’intimidazione. La pressione è inoltre aumentata negli ultimi giorni, apparentemente per mettere a tacere qualsiasi critica ed evitare imbarazzi durante l’indagine in loco da parte del team dell’Oms.

“Un gruppo sulla piattaforma di social media WeChat utilizzato da 80-100 familiari nell’ultimo anno è stato improvvisamente eliminato senza spiegazioni circa dieci giorni fa”, ha spiegato Zhang Hai, membro del gruppo che aveva criticato la gestione della pandemia. “Questo dimostra il nervosismo [delle autorità cinesi]. Hanno paura che queste famiglie si mettano in contatto con gli esperti dell’Oms”, ha detto Zhang, 51 anni, il cui padre è deceduto all’inizio della pandemia di Covid-19. Zhang ha spiegato che “quando l’Oms è arrivata a Wuhan, [le autorità] hanno eliminato con la forza [il gruppo]. Di conseguenza abbiamo perso i contatti con molti membri”. Anche altri parenti prossimi hanno confermato l’eliminazione del gruppo da WeChat. I parenti accusano i governi di Wuhan e della provincia di Hubei di aver lasciato che l’epidemia esplodesse senza controllo cercando di nasconderla quando è emersa per la prima volta in città nel dicembre 2019.

Secondo i dati ufficiali pubblicati dalle autorità sanitarie cinesi, la pandemia ha ucciso quasi 3.900 persone soltanto a Wuhan, la stragrande maggioranza dei 4.636 decessi registrati dall’intera Cina. Molti parenti delle vittime diffidano di questi numeri, dicendo che la scarsità di test nei primi caotici giorni dell’epidemia può aver comportato che molti siano morti senza che la malattia fosse diagnosticata. Un altro familiare, una pensionata la cui figlia adulta è deceduta a causa del virus lo scorso gennaio, ha riferito alla stampa internazionale di essere stata avvertita di non “parlare con i media”. La donna, che ha richiesto l’anonimato, ha spiegato che le autorità hanno bussato alla sua porta e “hanno cantato la stessa vecchia melodia” e le hanno “dato cinquemila yuan (775 dollari) come gesto simbolico di condoglianze”. Secondo quanto riferito, diversi parenti di vittime del coronavirus di Wuhan hanno cercato di intentare un’azione legale per chiedere il risarcimento e sanzioni per i funzionari, ma affermano che i tribunali si sono rifiutati di accettarli. Zhang ha invitato gli esperti dell’Oms a incontrare “coraggiosamente” i parenti spiegando che gli investigatori potrebbero essere indotti in errore o ostacolati dalle autorità cinesi. Ha aggiunto che la conoscenza delle famiglie su come si è diffuso il virus potrebbe aiutare le indagini, pur riconoscendo che un simile incontro è altamente improbabile.  Agenzia Nova

Condividi