Lavoro, Inps: nei primi 10 mesi del 2020 assunzioni a -31%

Le assunzioni dei datori di lavoro privati nei primi dieci mesi del 2020 hanno subito una forte contrazione rispetto allo stesso periodo del 1019. Sono infatti state 4.347.000, cioè il 31% in meno, per gli effetti legati all’emergenza Covid che ha provocato il crollo di produzione e consumi. E’ quanto rileva l’Inps nel suo aggiornamento dell’Osservatorio sul precariato. Numeri particolarmente negativi ad aprile: -83%.

“L’Italia non può permettersi un’ondata di licenziamenti ma non possiamo nemmeno andare avanti con una logica emergenziale”. Lo ha detto il viceministro dell’Economia, Antonio Misiani, parlando della crisi legata alla pandemia. “Credo che il blocco dei licenziamenti debba essere prorogato per i settori maggiormente in crisi”, ha aggiunto, spiegando che invece “chi ha recuperato i livelli del 2019 dovrebbe lavorare per tornare alla normalità”. tgcom24.mediaset.it

Condividi