Coronavirus, cosa è successo qui in Svezia? “In realtà, niente”

Documentario dalla Svezia di Andy Maggio, artista e video maker romagnolo. Il titolo “Lockdown Refugees” fa riferimento ai “rifugiati” dai vari lockdown europei, emigrati in Svezia di recente.

Il documentario è ambientato a Göteborg, dove l’autore era andato per lavorare come musicista, prima che le nuove restrizioni bloccassero gli eventi con più di 8 persone dal 24 Novembre scorso.

“In un mese trascorso nella città svedese ho sentito il bisogno di raccontare il modo in cui questo paese ha deciso di fare fronte a questa emergenza globale in modo completamente originale.”

Il documentario presenta 7 interviste brevi a vari backpackers internazionali e a due svedesi, tra cui un musicista, e senza preconcetti vuole raccogliere una testimonianza dalle parole di chi in Svezia è “fuggito” per lavorare o anche solo per vivere in modo “normale”.

Condividi