MES o non MES ci riprenderemo Roma


“il Mes è una pistola puntata alla tempia dei risparmiatori italiani” (Giampaolo Galli)

di Armando Manocchia

Italiani appecoronati a una manica di imbecilli patentati, servi microcippati di una cloaca di criminali patentati.

MES o non MES che letteralmente significa: Meccanismo Economico Suicida. Non è altro che il Fiscal Compact 2.0 quello che prevedeva un nodo scorsoio per gli Stati cattivi con il deficit sotto il 3% e una soglia del 60% del rapporto debito/Pil , cosa che noi Italia, non solo non potremmo, ma non vorremmo mai adottare. Stessa cosa dicasi per il Pareggio di bilancio che, inserito illegittimamente nella Costituzione dietro ricatto della BCE, è un crimine contro l’umanità.

Il MES è un’entità sovranazionale dove i beni, i capitali e i dirigenti godono dell’iimmunità legale di fronte a qualunque giurisdizione internazionale e, per contro, è creditore privilegiato.
Le clausole di azioni collettive dicono che ogni titolo del debito pubblico verrà marchiato. Il che significa che tale debito potrà essere ristrutturato.

La ristrutturazione. Non solo gli economisti, ma anche gli egonomisti, sanno che la ristrutturazione del debito non s’ha da fare. Non soltanto non dovrebbe essere possibile, ma dovrebbe anche essere vietato, perché il debito pubblico di una nazione deve essere privo di qualunque rischio.

Il MES inoltre valuta la capacità di rimborso degli Stati, ovvero decide, a sua discrezione, se il debito di uno Stato è solvibile o no. In caso negativo, viene comunicato pubblicamente che detto Stato non è in grado di far fronte i suoi debiti. Potete immaginare cosa possa significare un segnale simile per i mercati, per le agenzie di rating e, non per ultimi, per gli speculatori travestiti da filantropi.

Chi possiede titoli di stato – semplici risparmiatori, banche, assicurazioni – corre il rischio di subire delle perdite anche gravi, o ritrovarsi carta straccia. Insomma è come giocare in Borsa: si vince qualche volta e si perde quasi sempre. Cosa impensabile fino a ieri. Pensate che l’Italia detiene l’80% del debito italiano (debito interno), che è inversamente proporzionale a quello della U€rmania che è del 20%.

Inoltre la maggioranza qualificata del MES è pari all’80% dei voti espressi. Per il diritto di veto serve il 20%. E udite udite, la quota italiana è pari al 18%. Quindi il veto è appannaggio solo di Francia e U€rmania.

Il capitale di questa cassa comune è di 704 miliardi richiamabile. Cosa vuol dire richiamabile? Vuol dire ad esempio che, per quanto riguarda la quota italiana, che è di 125miliardi di cui 15 già versati, gli altri 110 miliardi sono RICHIAMABILI, cioè da versare entro 7 giorni dalla richiesta.

Non poteva mancare il solito aiuto alle banche. Lo chiamano: backstop banche. Sta a significare che i soldi del MES possono essere usati per sanare le banche. Un esempio? Una banca tedesca piena di titoli tossici, al fine di risanare il suo bilancio e fare il ‘lavaggio del pattume tossico’, può attingere aiuti dal MES con la conseguenza di far fallire e poi fagocitare banche italiane.

Roba da pescecani. E’ strozzinaggio allo stato puro. Strozzinaggio istituzionalizzato e legalizzato. E’  inaccettabile ed è intollerabile che in paesi cosiddetti civili e democratici si consenta – e soprattutto si accetti – che i beni del MES, i capitali del MES e i dirigenti come il direttore (iltedesco che dei greci ebbe a dire: “non mi importa se hanno fame, basta che paghino!”. Oppure: “non pagate le pensioni e restituite i soldi!”, godano della immunità da qualsiasi giurisdizione internazionale.

Io sono contro ogni tipo di violenza – in particolare contro quella fisica – e contro la prevaricazione, e da sempre sono contro i regimi totalitari, indipendentemente dal loro colore, ma a chi ha votato e firmato questi trattati nazisti andrebbero tagliate le mani e dovrebbero essere condannati a sopravvivere, per tutto il resto della loro vita, con il reddito di cittadinanza.

Armando Manocchia

Condividi