In treno senza mascherina, migrante sfodera un coltello e assale il capotreno

La vicenda risale appena a 24 ore fa e coinvolge un vagone del treno regionale che copre la linea ferroviaria che collega la città metropolitana di Torino con il capoluogo piemontese, passando per l’Aeroporto di Caselle, la Reggia di Venaria e le Valli di Lanzo. A bordo c’è un immigrato guineano senza mascherina e che, impunemente, ostenta il rifiuto a indossarla (in spregio alle norme anti-Covid e alle misure obbligatorie previste dalla normativa in vigore per l’emergenza sanitaria. Il controllore, dipendente Gtt, chiamato a far rispettare le norme, lo invita a provvedere e a ottemperare alla mancanza.

Integratori alimentari Free Health Academy

Ma il 22enne reagisce subito in modo aggressivo. Con un’irruenza che si fa aggressività brutale e minacciosa. E con stizza prima, e violenza inaudita poi, sfodera un coltello e assale il capotreno: lui quella mascherina non vuole proprio metterla.

La tensione di quei concitati istanti si fa palpabile, con i passeggeri spaventati a questo punto più dalla veemenza minacciosa del giovane che dal rischio di un eventuale contagio. La situazione rischia di degenerare e vengono chiamati i carabinieri. Ma lo straniero, anche lì, si dimostra intenzionato a disobbedire, costringendo i militari ad arrestarlo per resistenza a pubblico ufficiale. Non prima di subire anche loro, chiamati dal controllore, la reazione aggressiva dell’uomo che scatta, puntualmente, alla richiesta dei documenti per l’identificazione.

secoloditalia.it

Condividi