Conte: il FMI ha detto che 90 milioni di persone cadranno in povertà nel 2020

“Negli ultimi mesi, la comunità internazionale ha affrontato una pandemia senza precedenti nel secolo scorso, con impatti socioeconomici e sanitari sbalorditivi. Il bilancio delle vittime è salito a oltre un milione e il Fmi ha previsto che 90 milioni di persone in più cadranno in povertà entro la fine del 2020. La recrudescenza della pandemia in molte regioni richiede, ancora una volta, decisioni difficili da parte dei governi e importanti sacrifici da parte dei loro cittadini”.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervenendo in collegamento al Summit G20 di Riad.”Nonostante questa triste realtà – ha aggiunto – la buona notizia è la nostra capacità di promuovere, e realizzare, una mobilitazione globale. Lo stesso G20 ha adottato misure senza precedenti e avviato meccanismi che hanno permesso di raggiungere traguardi importanti”.

“Sono convinto che i nostri sforzi congiunti ci porteranno presto a un punto di svolta nella nostra lotta contro il coronavirus. La nostra responsabilità, come leader, è fare di questo un punto di svolta per la capacità dell’umanità di rispondere, rapidamente ed efficacemente, alle crisi del futuro”. (askanews)

Condividi