Vienna, killer era in contatto con rete di islamisti in Germania


Il killer di Vienna Kujtim Fejzulai

L’attentatore austro-macedone responsabile dell’attacco terroristico a Vienna, Kujtim Fejzulai, era in contatto con una rete di jihadisti tedeschi: lo sostiene Spiegel online. L’attentatore era stato in Turchia nel 2018 nel tentativo di entrare in Siria per arruolarsi nell’Isis e lì aveva conosciuto due jihadisti tedeschi e uno belga.

Lo riporta una sentenza del tribunale del Land di Vienna di aprile. Il giovane avrebbe incontrato i tre jihadisti ad Hatay tra Turchia e Siria, in un covo Isis. Poi sarebbe stato accompagnato in un hotel in Turchia e dopo poco arrestato dalla polizia. Nell’aprile del 2019 Fejzulai è stato condannato a 22 mesi di prigione per aver tentato di entrare nelle milizie dello “Stato islamico” ma poi rilasciato dalla giustizia austriaca il 5 dicembre.

Secondo altri media austriaci poco prima di entrare in azione l’uomo aveva prestato giuramento di fedeltà al nuovo leader dell’Isis Abu Ibrahim al-Hashimi al-Quraishi. Per il momento, però, gli attacchi non sono stati rivendicati mentre la Bild riferisce che avrebbe postato sui social il suo intento ieri. Perquisizioni a tappeto e fermi sono intanto in corso nel Paese alla ricerca degli altri possibili attentatori. E anche la Germania, dopo una decisione analoga presa ieri dalla Repubblica ceca, ha alzato l’allerta controlli alle sue frontiere. Quanto alle vittime civili, per ora è noto solo che si tratta di due uomini e due donne, una delle quali era una cameriera. ansa

Condividi