Covid, Zingaretti: chiudere la scuola ora per salvare l’anno

“La filosofia e’ quella di concertare” per operare “in equilibrio” regole che “non siano invasive ma stringenti sulle relazioni tra individui. Regole legate al tasso di contagio dei territori”. Lo ha detto, riferendosi alle misure allo studio per combattere il coronavirus, il segretario del Pd Nicola Zingaretti. Intervistato da Lucia Annunziata a Mezzora in piu’, il presidente della regione Lazio ha anche aggiunto che, qualora fosse necessario, non si sentirebbe “offeso” in caso di restrizioni riguardanti il territorio da lui amministrato.

Bisogna insomma incidere “sui contatti” perche’ “se non c’e’ rispetto per le regole” sara’ stato tutto inutile. Non a caso questa notte le forze dell’ordine hanno operato interventi per chiudere feste “con 90 persone”:

Quanto alla scuola Zingaretti sostiene che “Una settimana di chiusura” decisa di fronte ad una oggettiva necessita’ “puo’ salvare un anno scolastico“, “30 giorni di chiusura per un teatro o un cinema possono salvare un’intera stagione”.

Ovviamente, ha aggiunto, “non bisogna lasciare da sole le persone” e chi “soffre in silenzio” come quanti vedono in difficolta’ la propria attivita’ economica”. Ma si ricordi che “se esplode il contagio, non riapriranno mai”. Zingaretti ha escluso nell’immediato il lockdown, che e’ una “misura che blocca tutte le attivita’”.  affaritaliani.it

Condividi