Meluzzi: “Il ‘great reset’ ci ridurra come zombie”

Il prof. Alessandro Meluzzi: “Cari amici di “Fatti e disfatti”, la giornata di oggi si chiude in modo veramente oscuro: un confratello ortodosso, un sacerdote, a Lione è stato colpito proditoriamente dalla fucilata di un terrorista islamico che è fuggito vigliaccamente. Continua la caccia ai cristiani ormai nella terra Francia e in tutta Europa.

Abbiamo visto la polizia caricare  a freddo, intorno al monumento di Giordano Bruno, eroe del libero pensiero, una folla di uomini, di donne, di giovani, di bambini che stavano pacificamente manifestando con delle mascherine tricolori contro le misure di un governo illegittimo che non produrranno alcun effetto dal punto di vista sanitario, igienistico, virologico, ma finiranno per distruggere l’economia dei ceti medi, di commercianti, di artigiani, di professionisti, di piccoli imprenditori per ridurre tutti a zombie con un salario di cittadinanza.

L’unico che appare resistere è l’arcivescovo Viganò, già nunzio negli Stati Uniti, che ha scritto una bellissima lettera al presidente Trump dove disegna, con grande lucidità – e vi invito tutti a leggerla con grande attenzione – il “great reset“, un grande reset che dove essere applicato a livello planetario perché i popoli cessino di essere liberi, perché tutti si impiantino un microchip, perché ci sia una valuta virtuale, una sorta di bitcoin planetario a debito che ci riduca peggio dei cinesi, governati da terroristi islamici e controllati da una psico-polizia, è inquietante. Ma insieme all’arcivescovo Viganò, in questa vigilia di domenica di Ognissanti, noi preghiamo la Vergine Maria perché vegli sulla Chiesa, sul suo popolo, sui nostri corpi, sulla nostra salute e sulla nostra libertà.

Ave Maria piena di Grazia.”

Alessandro Meluzzi – Medico Psichiatra, Psicologo, Psicoterapeuta, Criminologo. Docente Psichiatra forense. Primate Metropolita Chiesa Ortodossa Italiana

Condividi

 

2 thoughts on “Meluzzi: “Il ‘great reset’ ci ridurra come zombie”

  1. L Europa è preda di potenze economiche, il coronavirus è l arma contro di essa, coloro che hanno l antitodo non si ammalano

  2. la vicenda del coronavirus è manovrato dalla Cina, e tutti i suoi alleati per rendere l Europa una grande colonia, addomesticata dal terrore che dopo vari tentativi si è così impiantato, il terrore è necessario per annichilire disorientare, creare dei vuoti di identità e economici, su cui impiantare le economie delle potenze palesi e nascoste/povero bottino, povera Europa

Comments are closed.