Attacco Nizza, Palermo: interrogato tunisino che ha ospitato Brahim Aoussaoui


Brahim Aoussaoui

Un terzo uomo di 33 anni è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’attentato terroristico compiuto giovedì nella basilica di Notre-Dame de l’Assomption a Nizza, in cui sono morte tre persone. Lo ha riferito l’emittente ‘Bfmtv’, precisando che l’uomo si trovava a casa di una delle altre due persone arrestate.

Intanto, è stato sentito fino a tarda notte dalla Digos di Palermo il giovane tunisino che fino a pochi giorni fa aveva ospitato ad Alcamo (Trapani) Brahim Aoussaoui, l’attentatore tunisino di 21 anni di Nizza. Il Dipartimento antiterrorismo della Dda di Palermo indaga sui passaggi del giovane sbarcato a Lampedusa e poi portato a Bari e tornato in Sicilia, dove è rimasto per due settimane. Ieri sono state fatte perquisizioni ad Alcamo, in alcuni negozi e nella zona frequentata da Brahim Aoussaoui, tra cui un venditore di kebab. “L’uomo non è in stato di fermo”, dicono fonti investigative all’Adnkronos.

Sembra che l’uomo stia collaborando con gli investigatori, anche se solo “il minimo indispensabile”, come apprende l’Adnkronos. Brahim sarebbe stato ospite dell’amico fino a una settimana fa quando ha raggiunto la Francia. L’inchiesta è coordinata dal Procuratore Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Marzia Sabella. adnkronos

Condividi