Consip, rinviati a giudizio gli ufficiali Scafarto e Sessa

Sono stati rinviati a giudizio l’ex maggiore del Noe Giampaolo Scafarto e il colonnello dell’Arma, Alessandro Sessa, indagati in uno dei filoni del caso Consip. A deciderlo i giudici della seconda sezione della Corte d’Appello di Roma accogliendo la richiesta della Procura generale che lo scorso primo ottobre aveva chiesto per entrambi il rinvio a giudizio.

Per Scafarto l’accusa è di rivelazione del segreto, falso e depistaggio, mentre per Sessa l’accusa è di depistaggio. Entrambi erano stati prosciolti dal gip Clementina Forleo nell’ottobre del 2019 ma la Procura capitolina aveva impugnato la decisione. Per il pm Mario Palazzi, che in questo procedimento era stato applicato alla procura generale, le ”prove acquisite sono granitiche”, aveva detto nella scorsa udienza. Il processo e’ stato fissato per il 9 dicembre davanti alla seconda sezione collegiale del Tribunale di Roma.  affaritaliani.it

Consip, Tiziano Renzi accusato di 4 reati

La posizione di Tiziano Renzi sul caso Consip si aggrava. Si è chiusa l’inchiesta, dopo le ulteriori indagini volute dal gip

Caso Consip, prosciolto il maggiore Scafarto

“Finalmente c’è la parola ‘fine’ a questa vicenda”. Così il maggiore dei carabinieri, Gian Paolo Scafarto, prosciolto oggi dal gup di Roma da tutte le accuse nell’inchiesta Consip. Scafarto era accusato di rivelazione di segreto, falso in atto pubblico e depistaggio. “Oggi è un giorno bellissimo, sin dal principio mi sono dichiarato estraneo a questa…

Intercettazioni Consip, Renzi al padre: “fai la tua parte, devi portare a casa il cu…”

Parole e musica di Matteo Renzi, in una telefonata intercettata tra l’ex premier e il padre Tiziano Renzi prima dell’interrogatorio dai pm di Roma

Consip, colonnello Ultimo: “mai parlato di Renzi né con la Pm Musti né con altri”

“Non ho mai svolto indagini per fini politici”. Il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina, risponde così – interpellato dall’ ANSA – a quella che definisce una “campagna di linciaggio mediatico”. A proposito del procuratore Musti afferma di non averla “mai forzata in nessuna cosa” e di aver…

Condividi