La UE ha finanziato l’Istituto di virologia di Wuhan

“L’Ue faccia chiarezza sui finanziamenti al laboratorio di Wuhan”, in Cina. “Come emerso negli ultimi giorni, l’Istituto di virologia di Wuhan, più importante centro di virologia della Cina situato nell’epicentro dell’epidemia di Covid-19, ha beneficiato di finanziamenti europei: nel 2015 e nel 2019 la Commissione Europea ha elargito rispettivamente 73.375 e 87.436 euro in favore dell’Istituto nell’ambito del programma di finanziamento per promuovere la ricerca Horizon 2020”. Lo affermano gli europarlamentari della Lega Marco Campomenosi, capo delegazione della Lega al Parlamento Europeo, e Marco Zanni, presidente del gruppo Id, firmatari di un’interrogazione alla Commissione Europea sulla questione, firmata da tutti gli europarlamentari della Lega.

“Inoltre – continuano Zanni e Campomenosi – un progetto per il controllo delle epidemie di virus, avviato il 1 gennaio 2020, starebbe finanziando l’Istituto con ulteriori 88.433,75 euro. Il programma Horizon 2020 prevede che la Commissione Ue controlli i partecipanti al progetto fino a due anni dopo il pagamento. In questo momento, su argomenti così delicati, è necessaria e obbligatoria la massima trasparenza”.

“Per questo abbiamo presentato un’interrogazione alla Commissione Europea per sapere se il meccanismo di controllo e verifica sia stato attivato e con quali esiti, nonché per sollecitare più efficaci controlli nella fase successiva ai finanziamenti. Inoltre, considerati i danni al nostro mercato interno derivanti dal commercio di medicinali contraffatti provenienti dalla Cina, chiediamo perché l’Ue continui a finanziare questi programmi di ricerca”, concludono Zanni e Campomenosi.

La Commissione Europea non ha “molto da dire” sui finanziamenti erogati dal programma Horizon 2020 all’Istituto di virologia di Wuhan, in Cina. “E’ circolata della disinformazione su questo”, ma “effettivamente l’Istituto ha partecipato, insieme a molti altri, ad un progetto, e ha ricevuto una piccola parte dei finanziamenti”.

Lo dice il portavoce della Commissione Johannes Bahrke, durante il briefing on line con la stampa a Bruxelles, a proposito di un’interrogazione sulla materia presentata alla Commissione dagli eurodeputati della Lega Marco Zanni e Marco Campomenosi.

L’importo dei finanziamenti ricevuti dall’Istituto di Virologia di Wuhan “è molto inferiore a quanto riportato da diverse fonti”. Per il portavoce capo Eric Mamer, la Commissione “risponde alle interrogazioni degli eurodeputati nell’ambito di un processo ben regolamentato: non possiamo rispondere ora all’interrogazione, ma solo dare informazioni in generale”. adnkronos

Il misterioso laboratorio di Wuhan: la Virus Connection che ci hanno nascosto

Americani e francesi per anni hanno finanziato Pechino per condurre esperimenti sui virus più pericolosi e mortali, quello che a casa loro non potevano fare

La bomba batteriologica franco-cinese di Wuhan: inchiesta di ‘Le Monde’

Non ci sono ancora prove che il coronavirus sia uscito da lì ma il sospetto, anche in Cina, rimane. Una cosa è certa: l’opacità cinese è totale

Coronavirus, laboratorio di Wuhan: problemi di sicurezza rilevati dal 2018

L’istituto di virologia di Wuhan, costato 44 milioni di dollari, è stato inaugurato nel 2014 e nel 2018 ha ottenuto livello Bsl-4

Condividi