Covid, Conte: disponibile a nuove restrizioni, non manderemo polizia a casa

“Mi sono dichiarato disponibile a fornire un appendice sulle misure restrittive” anti Covid “ma si è concordato, per rispetto dell’ordine dei lavori, che il mio intervento sia solo sul Consiglio europeo”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prendendo la parola in aula alla Camera per le comunicazioni in vista del Consiglio europeo di domani e dopodomani.

“Lo svolgimento dell’abituale Consiglio europeo di metà ottobre dovrà rafforzare la consapevolezza che il pieno superamento del Covid-19 sul piano sanitario ed economico resta – oggi più che mai – l’obiettivo prioritario per l’Unione europea e per i suoi Governi”, ha aggiunto.Il presidente del Consiglio sta pronunciando grossomodo lo stesso discorso di ieri al Senato. (askanews)

Tra battute e nuovi meme che girano sui social relativi al nuovo Decreto del presidente del Consiglio in funzione anti-Covid, le disposizioni per limitare i contagi da coronavirus sono ufficialmente in vigore. E sono tante le domande, le cosiddette Faq, Frequently Asked Questions, i quesiti posti piu’ di frequente, che lo stesso Conte ha provato ad affrontare e soddisfare: “Non manderemo le forze di polizia nelle abitazioni private – e’ l’assicurazione del premier – pero’ dobbiamo assumere comportamenti prudenti per gestire questa fase“. ANSA

Condividi