Cdm verso il rinvio, Conte valuta un Dcpm ‘ponte’

Dopo l’incidente sul numero legale alla Camera sulle risoluzioni legate alle comunicazione del ministro della Salute Roberto Speranza, il Consiglio dei ministri che avrebbe dovuto tenersi in serata – e che non è stato ancora sconvocato – con ogni probabilità verrà rinviato a domani.

E’ tuttavia possibile, viene spiegato da autorevoli fonti di governo all’Adnkronos, che il premier Giuseppe Conte firmi già stasera o al più tardi domani mattina un Dpcm ‘ponte’, per traghettare le misure anti-Covid che scadrebbero sempre domani, 7 ottobre. Si tratta, tuttavia, di una possibilità, visto che le regole contenute nel Dpcm in vigore varrebbero anche per la giornata di domani, fino alla mezzanotte. Ma, considerando i tempi necessari per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, a Palazzo Chigi stanno valutando l’opzione ‘Dpcm ponte’, un decreto che verrebbe sostituito a strettissimo giro da un nuovo Dpcm post voto Camera e post Cdm. adnkronos

E’ mancato per due volte il numero legale sul voto delle risoluzioni sulle comunicazioni del ministro della Salute Speranza, in merito alla proroga dell’emergenza sanitaria. Tutto rimandato a domani. Salvini: “Maggioranza allo sbando”.

Condividi