Lesbo, incendio campo di Moria: 5 migranti arrestati

La polizia greca ha arrestato cinque migranti per l’incendio scoppiato la settimana scorsa al campo di Moria, sull’isola di Lesbo. Le fiamme hanno devastato la tendopoli, obbligando i suoi 12 mila abitanti a fuggire. Ieri, il portavoce delgoverno aveva accusato i migranti stessi di aver appiccato il fuoco al campo.

L’incendio che ha distrutto il campo profughi di Moria, sull’isola di Lesbo, è stato appiccato da un gruppo di “richiedenti asilo”. Lo hanno riferito le autorità greche. Per l’agenzia greca ANA, le fiamme sono divampate dopo che alcuni dei migranti si sono rifiutati di andare in isolamento dopo che 35 persone sono risultate positive al coronavirus. –

BRUXELLES – L’Ue è pronta a “finanziare un nuovo campo più moderno” in Grecia dopo l’incendio nel campo di migranti a Moria nell’isola di Lesbo. Lo ha annunciato il vicepresidente esecutivo della Commissione europea Margaritis Schinas in videoconferenza dalla Grecia in con il ministro dell’Interno tedesco Seehofer. “L’Unione Europea è pronta non solo a finanziare e sostenere la costruzione di questa nuova struttura, ma anche a considerare qualsiasi richiesta greca per un ruolo più attivo nella gestione di questa nuova struttura”, ha precisato Schinas, annunciando che ne parlerà oggi con il premier greco.

 

Condividi