Golpe in Mali, Konarè: “è solo l’inizio, faremo finire l’immigrazione”

Mali, Keita annuncia le sue dimissioni. Dopo essere stato arrestato assieme al suo primo ministro, Cisse, dalla popolazione in rivolta sostenuta da gruppi di militari, il presidente maliano Keita ha annunciato le sue dimissioni, lo scioglimento del Parlamento e del governo. “Voglio informarvi della mia decisione di lasciare da questo momento in poi tutte le mie funzioni”, ha detto alla Tv di Stato.

I militari fanno sapere di voler mettere in atto una “transizione politica civile”, per arrivare a elezioni. Durante il colpo di Stato non c’è stata alcuna vittima. Il commento di Mohamed Konarè in esclusiva su MePiù.

Sull’immigrazione, Konare si è già espresso con parole molto pesanti; ”Non è immigrazione, è deportazione di massa. Assassini”

Condividi