Coronavirus, Zampa (Pd): Governo pronto a fermare riapertura Lombardia

“Se la Lombardia decidesse di riaprire dal 4 maggio, il governo potrebbe impugnare il provvedimento regionale esiste la possibilità di avocare dei poteri utilizzando un articolo della Costituzione. Penso che sarà oggetto di un confronto. In questo momento mi risulta che il Viminale ha disposto una serie di controlli su un numero molto grande di aziende rimaste aperte”. Lo ha dichiarato la Sottosegretaria Pd alla Salute Sandra Zampa, annunciando anche che “a inizio maggio si partirà con i testi sierologioci” sui contagi da Coronavirus in Italia.”

A questo punto – ha dettoi Zampa sulla possibile riapertura anrticipata il 4 maggio in Lombardia- penso che siccome hanno cominciato così, evidentemente vogliono concludere così. Per me resta indimenticabile il primo confronto a distanza dalla Protezione Civile con la Regione Lombardia. Erano presenti il presidente Fontana e alcuni suoi assessori e uno di loro si è alzato gridando nei confronti del governo. Da allora in poi mi sembra che siamo andati avanti così. Mi risulta che verrà effettuato un gran numero di controlli da parte del Viminale sulle aziende che sono sempre rimaste aperte.

“Visto che da fin dal primo giorno è stato un continuo disattendere e contraddire quello che veniva indicato – ha detto ancora- ci dobbiamo interrogare se non sia una ragione fondamentalmente politica quella che li porta a voler prendere le distanze dall’unica misura utile, il lockdown. Commissariamento della Lombardia? Non credo che Conte arriverà a questo, ma Fontana deve riflettere sull’alto numero di contagi nella sua Regione”.  (askanews)

Condividi