Migranti, De Micheli: Mediterraneo sotto controllo, non abdichiamo a nostro ruolo

“I 149 ospiti hanno passato l’ottava notte a bordo della Alan Kurdi”, fa saperela ong tedesca Sea Eye, che aggiunge: “quello che sta avvenendo in questi giorni nel Mediterraneo è vergognoso ed indegno. La protezione della gente che si sposta vale sempre, specialmente in tempi di crisi”. Il Governo italiano già due giorni fa aveva annunciato che i 149 – la nave di trova al largo delle coste trapanesi – non sarebbero sbarcati, ma sarebbero stati trasferiti su una nave dove trascorrere il periodo della quarantena, presumibilmente al largo del porto di Trapani. Ancora, tuttavia, non c’è stato il trasbordo.

“La vicenda della Alan Kurdi – ha detto la ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli a Omnibus su La7 – è una vicenda che ci porterà nelle prossime ore a prendere una nave passeggeri sulla quale far passare la quarantena sia all’equipaggio della Alan Kurdi che agli ospiti, ai migranti che sono a bordo che sono 159 persone”.

“Sono molto preoccupata per alcune discussioni di queste ore, perché sia Frontex che la Guardia Costiera hanno ribadito che non ci siano stati naufragi in queste ore. Abbiamo il Mediterraneo sotto controllo, non abbiamo nessuna intenzione di abdicare al nostro ruolo”, ha spiegato la ministra sottolineando la bontà del “modello organizzativo che stiamo cercando di avere per rendere questo sistema più efficiente in un momento in cui l’Italia è in una situazione di emergenza”.  ANSA

Condividi