Bibbiano, la Anghinolfi raccontava: “c’è una rete di pedofili”

Affidi illeciti – Le motivazioni addotte da Federica Anghinolfi, responsabile dei servizi sociali, per convincere le assistenti sociali a falsificare le relazioni e togliere i bambini alle famiglie:  “esiste una rete di pedofili attivi in provincia Reggio Emilia, che compiono riti satanici, omicidi e cannibalismo rituale

Condividi