Arrivato in Italia il bimbo portato in Siria dalla madre jihadista

E’ atterrato all’aeroporto di Fiumicino l’aereo che ha riportato in Italia il piccolo Alvin Berisha, il bambino sequestrato e portato via dall’Italia nel 2014 dalla madre Valbona Berisha, radicalizzata via web in Italia e divenuta foreign fighter, associandosi all’organizzazione terroristica dello Stato islamico. Il bimbo ha così potuto riabbracciare il padre e le sorelle.

Il bambino fu portato via da Barzago (Lecco) in Siria dalla madre, che lasciò il marito e padre del bimbo per arruolarsi nell’Isis, il 17 dicembre 2014.

Il ragazzino, la cui madre sarebbe morta in un’esplosione, si trovava nel campo profughi di Al Hol in Siria. A Milano, pende un procedimento su Berisha coordinato dal pm Alberto Nobili.

Condividi