Turiste scandinave decapitate, per i killer “pena di morte con esecuzione effettiva”

RABAT – “Pena di morte con esecuzione effettiva”. Il collegio dei giudici di secondo grado aggrava le richieste per i tre esecutori materiali del duplice omicidio di Imlil. Condannati in prima istanza alla pena capitale per aver decapitato due turiste scandinave, nel dicembre del 2018, in nome dell’Isis, i tre facevano parte di un gruppo organizzato di 24 persone, tutte coinvolte in modo diverso nell’uccisione. In Marocco la condanna a morte resta sospesa in virtù di una moratoria in vigore dal 1993.

Luisa Vesterager Jesperse, danese, 24 anni, e l’amica, Maren Ueland, norvegese di 28 anni, furono barbaramente uccise, mentre erano accampate per un trekking sulle montagne dell’Alto Atlante.

I giudici della Corte d’assise d’Appello di Salè ora chiedono la pena di morte con esecuzione per i tre principali accusati e la condanna capitale anche per il quarto uomo che faceva parte del gruppo ma si è sfilato prima dell’uccisione delle due turiste.

Gli avvocati della difesa hanno richiesto una perizia psichiatrica per i tre principali accusati. Le parti civili hanno chiesto un indennizzo di 500 mila euro per la famiglia di Maren che vuole creare una fondazione “contro gli estremismi”. ANSA

Condividi

 

Articoli recenti