Udine: donna presa a pugni e rapinata da una “richiedente asilo”

Ha aggredito con violenza una donna nel tentativo di strapparle via la borsetta, e per tale ragione una cittadina straniera di nazionalità gambiana è stata arrestata dagli agenti della Polfer di Udine, tempestivamente intervenuti in soccorso della vittima.

L’episodio giovedì sera all’interno della stazione ferroviaria. Una signora si trovava al binario 4 in attesa del treno, quando è stata raggiunta dalla straniera, che l’ha aggredita tempestandola di pugni sulla testa ed in pieno volto.

In aiuto della donna, che cercava di proteggere la borsa portata a tracolla, sono accorse alcune persone lì presenti e gli agenti della polizia ferroviaria. La gambiana è stata immediatamente immobilizzata e condotta negli uffici della Polfer locale, per essere identificata e dichiarata in arresto con l’accusa di tentata rapina aggravata e lesioni.

Si tratta di una 30enne senza fissa dimora che ha fatto richiesta di protezione internazionale nel nostro Paese. La straniera, incastrata anche dalle immagini ricavate dalle telecamere di sorveglianza presenti in stazione, si trova ora dietro le sbarre della casa circondariale di Trieste, in attesa di giudizio.

Nessuna grave conseguenza per la vittima. Accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale di Udine dal personale del 118, la donna è stata medicata ed ha ricevuto 5 giorni di prognosi per le lesioni riportate.

www.ilgiornale.it

 

Articoli recenti