Senatore Iwobi: la Francia chiude i confini ai migranti delle sue ex colonie

“La Francia ha convocato l’ambasciatore italiano? Non commento a caldo nel merito, mi limito a fare una domanda: perché la Francia, che ha 14 ex colonie africane con le quali continua ad avere rapporti, chiude le sue frontiere ai ragazzi che vengono da questi Paesi?”.

Tony Iwobi, vice presidente leghista della Commissione Esteri in Senato, interviene su Affaritaliani.it nella querelle tra Italia e Francia nata dopo le dichiarazioni del vicepremier Luigi Di Maio sul franco CFA e le politiche francesi in Africa, a cui hanno fatto seguito la convocazione da parte di Parigi dell’ambasciatore italiano Teresa Castaldo.

“La Francia continua ad avere legami con gli Stati africani ma chiude le sue frontiere, come mai?”, si chiede Iwobi. “Il mondo occidentale, non tutto ma una sua parte, ha sfruttato e depredato l’Africa per secoli. E lo fa ancora. Prima l’Africa è stata depredata delle sue risorse naturali, oggi viene depredata delle sue risorse umane”, prosegue il vice presidente della Commissione Esteri del Senato.

“L’Africa deve essere aiutata nel suo sviluppo interno”, conclude Iwobi. “Per far sì che gli arrivi dei migranti diminuiscano bisogna andare lì e aiutare gli Stati africani ad autosvilupparsi. L’Europa deve stare attenta e guardare la verità in faccia”.

Condividi