Vescovo di Trento: chi non ospita migranti rinuncia a vivere

TRENTO, 7 GEN – “Ospitare non è in primis un atto di bontà e di solidarietà: è nell’ospitare che passa la vita. E’ la condizione dell’esistere. Chi non ospita rinuncia a vivere. Un popolo refrattario a storie diverse, culture altre, a ciò che profuma di nuovo, non ha futuro”.

Lo ha detto l’arcivescovo di Trento, Lauro Tisi, nell’omelia per la festa dell’Epifania. “La strada ‘altra’ da imboccare, per tutti, è la via dell’incontro, dell’includere, dell’accogliere”, ha aggiunto.

Veramente, è tutto il contrario.

Francia: ospita un ivoriano in casa, ucciso con 28 coltellate

Cardinale africano: l’Europa è invasa da altre culture che la domineranno

Famiglia ospita profugo e lui violenta la figlia di 6 anni della coppia

Si innamora di un “profugo” e lo ospita in casa: incubo per una donna di Cesena

Profugo ospitato da connazionali rapisce la loro figlia di 3 anni

Italiana doveva sposare un “profugo”, ma lui fugge con anelli e soldi

 

Condividi