Uccise vicino di casa con un mattone, marocchino assolto

MILANO, 21 NOV – E’ stato assolto per “totale” incapacità di intendere e di volere Hamdan Hicham, marocchino di 27 anni che il 16 agosto 2017 ha colpito più volte con una mattonella alla testa Salvatore Milici, 62 anni, suo vicino di casa, lasciandolo in fin di vita nel quartiere Stadera, a Milano. L’uomo è poi morto cinque giorni dopo.

La sentenza è stata emessa dalla Corte d’Assise di Milano, accogliendo la richiesta del pm Luigi Luzi e sulla base della perizia psichiatrica che ha evidenziato nell’uomo una “sintomatologia psichiatrica psicotica acuta” e un “deficit intellettivo”, complicato anche “dagli effetti a lungo e breve termine del cronico abuso di sostanze“. Ai periti, così come dopo l’arresto, il marocchino aveva detto di aver ucciso il vicino perché “parlava male di me”.

I giudici hanno disposto la sua scarcerazione e l’immediato trasferimento nella Rems di Castiglione delle Stiviere (Mantova) per l’esecuzione della “misura di sicurezza” dell’ospedale psichiatrico giudiziario per 5 anni.

Vari testimoni, clienti del bar che si trova all’angolo tra le due vie dell’aggressione, riferirono che si è trattò di un vero e proprio agguato in quanto il marocchino, noto per essere un balordo ubriacone, era stato visto aggirarsi in zona vari minuti prima e nascondersi tra due auto in sosta. I residenti, si legge sull’edizione milanese del Corriere della Sera, raccontarono che anche nei giorni scorsi l’uomo aveva aggredito senza motivo altre persone

Condividi