Giornalisti, Mattarella: ”la libertà di stampa ha un grande valore”

“Ha un grande valore la libertà di stampa, perché – anche leggendo cose che non si condividono, anche se si ritengono sbagliate – consente e aiuta a riflettere”. Lo ha sottolineato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricevendo stamattina al Quirinale alcune scolaresche delle scuole secondarie di primo grado.

Rispondendo a una domanda di uno studente sulla sua giornata tipo, Mattarella ha detto: “Al mattino come prima cosa leggo i giornali: le notizie e i commenti, quelli che condivido e quelli che non condivido, e forse questi secondi per me sono ancora più importanti. Perché è importante conoscere il parere degli altri, le loro valutazioni. Quelli che condivido sono interessanti, naturalmente, e mi stanno a cuore; ma quelli che non condivido sono per me uno strumento su cui riflettere”. (askanews)

Per la serie: predicare bene e razzolare male

Mattarella: la stampa ‘credibile’ è fondamento della democrazia (e chi decide quale stampa sarebbe “credibile”?

Il Quirinale costruisce fascicoli contro i giornalisti non allineati

Condividi

 

2 thoughts on “Giornalisti, Mattarella: ”la libertà di stampa ha un grande valore”

  1. La “Libertà di stampa ha grande valore”. Così come lo ha la libertà di critica. Io non tifo, ne per squadre ne per squadroni.
    .
    Ciascun cittadino è libero e responsabile delle proprie azioni, se ha il coraggio di esserlo.
    .
    Io mi indigno quando un sindacato difende quei singoli poliziotti che bastonano, torturano, ammazzano.
    .
    Mi indigno quando a un incontro di “piccoli artigiani” (il più povero viene con la Porche), quello col Ferrari dice”C’è crisi: ieri ho dovuto andare in banca a prelevare” e sul giornale leggo di pattuglie della Finanza incaricate per mesi a pedinare e inseguire una vigilessa che in cinque mesi di servizio aveva “accumulato (ben) 28 ore di assenze non segnalate”!!!
    .
    E mi indigno anche quando la malafede di certo giornalismo (stupido chi lo denuncia con termini volgari facilmente attaccabili) diventa “libertà di stampa” e viene difesa dall’ “Ordine dei giornalisti”, (creato, non a caso, da Mussolini).

Comments are closed.