Nigeriana senza biglietto rompe una costola al capotreno

Un fenomeno sempre più diffuso. Il capotreno le chiede il biglietto, ma lei non ce l’ha e lo aggredisce.

Stavolta l’episodio è avvenuto per opera di una nigeriana, che viaggiava sul treno regionale Firenze-Pontremoli in direzione stazione di Carrara Avenza. La viaggiatrice abusiva ha così mandato l’uomo in ospedale con una costola rotta.

Il capotreno è stato picchiato e spintonato violentemente e, ora, lo attendono 20 giorni di prognosi, mentre la donna, dopo l’aggressione, è stata arrestata. A bloccarla, si legge sull’edizione fiorentina di Repubblica, sono stati gli agenti del commissariato di Carrara intervenuti dopo la segnalazione della polizia ferroviaria, chiamata dal capotreno. La nigeriana è stata arrestata con l’accusa di lesioni e interruzione di pubblico servizio dato che il treno era stato soppresso per il ritardo accumulato a causa dell’aggressione. Trenitalia ha, quindi, organizzato un servizio sostitutivo di bus navetta per coprire l’ultimo tratto da Carrara a Pontremoli.

 

Condividi