Fallimento dei negoziati sul Ceta: è una gran bella notizia

 

Il fallimento dei negoziati sul Ceta tra Canada e Vallonia è una gran bella notizia. Vincono le patrie e perdono le multinazionali. Oggi dichiariamo il fallimento della politica commerciale dell’Ue e il fallimento del governo italiano che non voleva neppure dare agli Stati membri la possibilità di esprimersi sul Ceta. Un governo così in prima fila su questi accordi capestro e, invece, così poco attento a tutelare le nostre imprese dalla concorrenza sleale di Paesi come la Cina. E’ venuto il momento di togliere a Bruxelles la competenza su intese commerciali che sono altamente rischiose per il futuro della nostra economia”.

Così l’europarlamentare e vicesegretario federale della Lega Nord Lorenzo Fontana dopo che il ministro canadese Christya Freeland ha annunciato il fallimento dei negoziati.

“I fatti smentiscono gli Junker, le Merkel, i Renzi e i Calenda, simboli di questa Europa che flirta col mondo dei grandi interessi commerciali, dimenticandosi dei piccoli. Lo abbiamo detto per il Ttip – speriamo definitivamente naufragato – lo ribadiamo per il Ceta: questi accordi sono solo un patto di interessi tra colossi, un ‘cartello’ tra multinazionali per l’omologazione delle produzioni, lo sfruttamento dei lavoratori, la concorrenza sfrenata che rincorre la quantità e dimentica la qualità. Un Paese come l’Italia, composto per la quasi totalità da piccole e medie imprese, ha oggi molto da festeggiare per questo pericolo scampato”.

Condividi

 

Seguici sul Canale Telegram https://t.me/imolaoggi
Seguici sul Social VK https://vk.com/imolaoggi