Caso marò, Mogherini: canale aperto, ma non esiste una bacchetta magica

mogherini6 giu – Il ministro delgi Esteri Federica Mogherini ha parlato con la collega indiana Sushma Swaraj del caso di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò italiani trattenuti da oltre due anni in India. E’ stato un dialogo “con un clima costruttivo, abbiamo discusso di come affrontare la questione: ci siamo lasciate con l’idea di risentirci o vederci” presto, ha detto la titolare della Farnesina al Gr1.

Quello con il nuovo ministro degli Esteri del governo di Narendra Modi è “un canale aperto”, ha spiegato Federica Mogherini, che ha confermato la scelta di “riaffermare che la giurisdizione non è indiana e che i due militari sono coperti dall’immunità funzionale perché erano in missione antipirateria”, nonché quella di procedere “all’internazionalizzazione” del caso, uscendo “dalla logica bilaterale”.
“In questi tre mesi”, ha concluso il ministro Mogherini, “è stata aperta una nuova fase: sappiamo che è complessa, che può essere lunga, che non esiste una bacchetta magica, ma ci stiamo mettendo il massimo impegno e la massima condivisione”. tiscali

Condividi