Acqua, Bortoni: servono oltre 65 mld investimenti in 30 anni

3 dic – Per il settore dell’acqua il fabbisogno di investimenti ammonta a oltre 65 miliardi di euro nei prossimi 30 anni. E’ quantio ha sottolineato il presidente dell’autorita’ per l’energia, Guido Bortoni intervenendo a un convegno, indicando che l’autorita’ intende ”promuovere” gli adeguiati investimenti per il mantenimento e lo sviluppo delle infrastrutture per rispettare il principio che il diritto all’acqua ”non deve piu’ essere fruito solo sulla carta”.

Le prossime speculazioni finanziarie saranno sull’acqua

Il business delle “case dell’acqua” con fondi pubblici, a spese dei cittadini

Bortoni rileva che ”proprio grazie all’attuazione degli investimenti infrastrutturali si potra’ garantire un’effettiva e reale tutela dei consumatori”. Il presidente dell’auhtority ricorda il compito affidato all’organismo di ”strutturare e regolare un nuovo sistema tariffario: Sara’ nostro compito far si’ che neanche una goccia addizionale ne’ un euro ulteriore vadano sprecati a fronte di un settore che sconta gravi criticita’ di origine pluriennali”.

Bortoni inoltre sottolinea che in questo quadro ”assumera’ particolare rilievo l’introduzione di meccanismi regolatori volti a promuovere la qualita’ del servizio reso agli utenti finali e la capacita’ di realizzare le infrastrutture previste nei piani”. Bortoni anticipa che si tratta di meccanismi analoghi, pur nel rispetto delle specificita’, a quelli gia’ sperimentati con successo nei settori energetici, che hanno complessivamente condotto a migliorare in maniera significativa e stabile le prestazioni dei gestori ed esercenti dei servizi.

”La regolazione tariffaria affidata all’Autorita’, quale organismo tecnico e indipendente, sara’ si’ orientata a promuovere gli investimenti e a riconoscerne i costi solo dopo che le opere saranno state effettuate – afferma il presidente dell’authority – ma attraverso un percorso graduale. Sara’ anche importante dotare gli operatori di risorse finanziarie adeguate per alimentare gli investimenti attesi, tenendo conto degli esiti referendari”.

Condividi